Immagine

Perché i procuratori sportivi?


Oggi intorno al gioco del calcio ruotano sempre
maggiori interessi di carattere economico.
Studiando le normative vigenti in materia di
trasferimenti da una squadra all’altra di calciatori
extracomunitari, sia dilettanti che professionisti, ci si
è resi conto che può esservi un legame tra genealogia
e diritto calcistico
. Un giocatore extracomunitario può
infatti essere tesserato come comunitario se acquisisce
“a qualunque titolo” la cittadinanza di un Paese dell’Unione
Europea, ovvero dimostrando di avere degli avi nati nei Paesi Comunitari. Gli addetti ai lavori ben comprenderanno l’importanza di questa differenza tra giocatore comunitario ed extracomunitario in termini di tesseramento. Coutot-Roehrig ha già svolto, con successo, delle ricerche in tal senso.
Un giocatore extracomunitario può infatti essere tesserato come comunitario dimostrando di avere degli avi nati nei Paesi Comunitari.